Segreto 7 – Un buon sistema gestionale è il migliore investimento che si possa fare!

L’azienda è una miniera di informazioni che troppo spesso non vengono adeguatamente utilizzate per la salute aziendale: in molte aziende, quando va bene, l’amministrazione lavora su fogli Excel sovente assai complessi, con informazioni talvolta imprecise e spesso scarsamente aggiornate.

L’implementazione di un sistema di controllo di gestione, anche semplice, permette di monitorare tempestivamente l’andamento aziendale e dunque di reagire prontamente alle discontinuità di mercato, permettendo simulazioni più sofisticate e al tempo stesso più leggibili.

L’automazione dei processi informativi rappresenta il modo più valido per tenere sotto controllo tutte le variabili della gestione, senza le quali l’andamento risulterebbe casuale e accidentato.

Oltre a preoccuparsi di assolvere agli obblighi di legge, l’imprenditore e il manager avveduti decidono di dotare l’azienda di un sistema gestionale integrato per avere il controllo dettagliato e tempestivo di tutti i fenomeni aziendali:

 

  • la redditività del capitale investito (circolante e investimenti) nelle singole linee di business, o di uno specifico mercato geografico;
  • la profittabilità di un singolo prodotto, di una rete di vendita, di un nuovo investimento, di una unità produttiva;
  • sostenibilità della  struttura finanziaria: del livello di indebitamento, dello stock di capitale di rischio;
  • la dimensione del capitale circolante nella sua totalità o singole componenti (crediti verso clienti, debiti verso fornitori, livello degli stock di magazzino);
  • l’andamento della tesoreria, l’allocazione della liquidità, l’intensità di utilizzo delle linee di credito, etc.

 

Si tratta di indicatori fondamentali, che non possono essere trascurati se si vuole garantire la continuità dell’azienda e/o se si sta lavorando per il suo sviluppo. Immaginiamo che conseguenze potrebbe avere un sensore di velocità dell’autovettura che misuri in modo approssimativo e con un certo scarto di tempo, l’andatura della vostra auto. La macchina potrebbe aver superato il limite in un certo tratta di strada, e questa informazione potrebbe arrivarvi (seppur corretta) 5 minuti dopo: multa garantita e punti della patente addio. Oppure pensate a un sensore del carburante che vi segnali in modo approssimativo la quantità di benzina disponibile nel serbatoio, magari quando siete già fermi avendo consumato anche l’ultima goccia!

In azienda può accadere esattamente la stessa cosa: è essenziale conoscere la marginalità di una certa vendita prima che sia conclusa; è fondamentale ottenere l’indicazione dell’avvicinarsi del disequilibrio economico prima che la perdita si realizzi; l’eccessivo livello degli stock va monitorato minuto per minuto, e la sua crescita eccessiva va fermata prima che sia troppo tardi.

2018-10-12T12:20:35+00:00