Per costo variabile si intende l’insieme di tutti quei costi che, nel loro importo complessivo, aumentano o diminuiscono in maniera proporzionale al variare della quantità prodotta. I costi variabili variano di conseguenza a seconda della quantità di beni prodotti da un’azienda, quindi se un’impresa produce zero anche i suoi costi variabili saranno uguali a zero.

Al contrario, più la produzione sarà maggiore, più saranno elevati i costi variabili. Di conseguenza il costo variabile può essere considerato come il costo necessario a un’azienda di beni o servizi per produrre i suoi prodotti o per erogare i suoi servizi. Un esempio concreto di costo variabile è rappresentato dalle materie prime necessarie per produrre un determinato bene.

Nel breve periodo un’impresa può aumentare la quantità di produzione comprando più materie prime da lavorare e aumentando di conseguenza i suoi costi variabili; allo stesso tempo non è in grado di modificare i propri costi fissi, rappresentati dalla tecnologia e dalla capacità produttiva degli impianti.