I costi fissi appartengono a quella categoria di costi che non subiscono nessuna variazione al variare della produzione. Questo implica che il costo fisso è un prezzo che l’imprenditore deve sostenere anche se il fatturato è pari a zero. 

Per produrre un determinato bene, un’impresa ha bisogno di macchinari: questi macchinari rappresentano un costo fisso indipendentemente dal numero di prodotti realizzati nell’arco di un anno. Per questo motivo, il costo fisso viene anche definito come costo di struttura perché, spesso, rappresenta proprio il prezzo che l’imprenditore è obbligato a pagare per dare inizio e continuità alla propria attività.

Pertanto è fondamentale fare un’analisi preventiva dei costi di struttura prima di dare vita a un nuovo business, in quanto se si fanno previsioni errate si rischia di compromettere l’equilibrio economico di un’impresa.

Nella realtà i costi fissi presentano comunque un certo margine di variabilità, in quanto all’aumentare della capacità produttiva variano anche loro in proporzione.