Il capitale di rischio rappresenta la somma messa a disposizione per partecipare al progetto imprenditoriale ed è pienamente soggetta al rischio d’impresa. Per questa  ragione al capitale di rischio non può essere associata una remunerazione minima. 

La remunerazione del capitale di rischio (ad esempio delle azioni) dipende dal risultato di gestione raggiunto, mentre le obbligazioni danno diritto al rimborso del capitale e alla corresponsione di un interesse indipendentemente dal risultato di gestione dell’impresa. 

In origine, soprattutto in Europa, con il termine Private Equity ci si riferiva in senso stretto agli investimenti realizzati per sviluppare attività già esistenti o per risolvere problemi connessi alla proprietà dell’azienda, ad esempio il passaggio generazionale, mentre con il termine Venture Capital ci si riferiva ad operazioni finalizzate a sostenere lo sviluppo di nuove imprese.

Il capitale di rischio può risultare conferito all’atto della creazione dell’azienda, o può risultare da ulteriori e successivi conferimenti durante la vita dell’impresa.